Registrati Ora!
Entra
Benvenuto su COORPI
domenica, 24 settembre 2017 - 07:02
Condividi

SpettacoliAcqui in Palcoscenico

XXIV FESTIVAL INTERNAZIONALE DI DANZA
Acqui Terme - Teatro Aperto Giuseppe Verdi. 7 luglio ? 2 agosto 2007

Il Festival "Acqui in Palcoscenico", giunto alla ventiquattresima edizione, si è arricchito negli anni di molte esperienze e risultati di cui si è tenuto conto nella stesura del cartellone 2007 che, per ampiezza e qualità di proposte pone il Festival tra quelli di maggior spicco nel panorama italiano.


Per le peculiarità del territorio di appartenenza, il Festival si profila come appuntamento turistico e culturale che viene ad arricchire i programmi di una città dove - basti ricordare le mostre "Antologica di pittura" o il prestigioso "Acqui Storia" - la cultura è di casa e il turismo è alla base dell´economia.
?L´edizione 2007 si? presenta particolarmente ricca e articolata. Tra il 7 luglio ed il 2 agosto, sul grande palcoscenico del Teatro Aperto "Giuseppe Verdi", costruito dalla Pubblica Amministrazione di Acqui Terme per ospitare il festival, si esibiranno alcune tra le migliori produzioni e le più interessanti formazioni internazionali, con particolare attenzione alla danza contemporanea e alla ricerca.

La presenza nel cartellone di questo anno di formazioni come il Balletto di Ekaterinbug, conferma il livello, anche internazionale, delle proposte del cartellone 2007.
L´interesse per le scelte inusuali è evidente nei titoli proposti e dall' ampia presenza della danza italiana e sottolinea la tendenza al nuovo del Festival che si delinea, con ogni evidenza, tra quelli di interesse nazionale.

Apre la Rassegna, il 7 luglio il Balletto Teatro di Torino che presenterà "Off Again". "Ancora Fuori" è il titolo allusivo di una serata contenitore di molte creazioni brevi di Matteo Levaggi, coreografo rivelazione alla Biennale di Venezia Danza 2006. Il balletto ha riscosso grande successo anche nel recente tour in America Latina, dove è stato presentato a Buenos Aires, San Paolo e a Montevideo ottenendo ovunque lusinghieri consensi.
Cosi scriveva Marinella Guatterini sul Sole 24 ore, dopo l'andata in scena nel mese di giugno a Venezia:
"Pièce di danza pura, capace di rompere la sua pienezza energetica con duetti e assoli che creano contrasti poetici per gli undici interpretiun´ottima produzione che onora le scelte italiane".
Il cartellone ospita nel corso del Festival, cinque compagnie italiane, due delle quali testimoniano, in modi diversi, la tendenza di questi ultimi tempi al meticciato artistico, entrato prepotentemente anche nel mondo della danza.
Per "Olarè", della Compagnia Kaidara Dance Company, la coreografia di Katina Genero trae linfa vitale dai ritmi percussivi dello strepitoso Bruno Rose Genero che, assieme ad Andrea Bozzoli, firma le musiche dello spettacolo, eseguite dal vivo.
"Mediterraneo", invece, della? CRDL Compagnia Mvula Sungani, è un omaggio ai popoli e ai luoghi che si affacciano sul Mediterraneo dove, le tante dominazioni? vissute, hanno reso possibile l'integrazione e la contaminazione che ha consentito la nascita di nuove unicità artistiche.
L'ultimo degli appuntamenti con la danza italiana è affidato alla compagnia del Teatro Francesco Cilea di Reggio Calabria, nuova formazione che si affaccia nel panorama nazionale con "Pane, amore e fantasie!" uno spettacolo? curato, per la coreografia, da Franco Miseria e? con le musiche originali di Stelvio Cipriani.?

Passando agli appuntamenti internazionali, diametralmente opposta ( e dedicata agli appassionati della tradizione) appare la serata? che propone, in prima nazionale, il Balletto di Ekaterinburg ?ne "Le Corsaire", uno dei capolavori del balletto classico, presentato da una formazione dell'est , molto agguerrita? sia tecnicamente che artisticamente.?

Ancora classico il Gala di Danza di Giuseppe Picone con i solisti? del Teatro dell'Opera di Vienna, che non mancheranno di conquistare il pubblico con il meglio del repertorio di una compagnia conosciuta in Italia solo per il seguitissimo "Concerto di Capodanno" trasmesso ogni anno dalla TV austriaca. La marcia di? Radevsky chiuderà, come è d'obbligo, la serata. Nel corso della serata Giuseppe Picone, stella italiana che tanto onore s'è fatto all'estero, riceverà il Premio AcquiDanza 2007.?

Il Balletto Nazionale della Cecenia, con le sue travolgenti? e colorate"Danze Caucasiche - Vainakh", completa gli appuntamenti internazionali della manifestazione.?

Chiude il Festival il 2 agosto, la compagnia Flamenco Lunares con "Sentir Flamenco".??

Le musiche originali, composte da quel autentico virtuoso di flamenco che è Daniele Bonaviri, non? fanno perdere le valenze antropologiche dello spettacolo, ma fan sì che trasformino un ballo popolare gitano in arte di alto livello.

Ma il Festival non è solo spettacolo: attraverso gli stages, le audizioni, i workshop, il concorso e le altre iniziative apre anche questo anno un largo spazio alla didattica e alla formazione, con la costante attenzione alla cura e la valorizzazione dei giovani talenti di ogni nazionalità.

Le serate "Vivere di Danza", dedicate a solisti e gruppi emergenti e il prestigioso premio "Acquidanza" (alla sua ventunesima edizione) completano la manifestazione.

?La Direzione artistica è firmata da Loredana Furno, che la manifestazione ha fatto nascere e crescere negli anni.

?

In totale l´edizione 2007 del Festival Acqui in Palcoscenico ospita cinque compagnie italiane e tre internazionali.

?Manifestazioni Collaterali

- Vivere di Danza ??????????????????????Palcoscenico aperto a giovani? emergenti

- XXIV Stage di Danza??????????????? Classico e contemporaneo

? (25 giugno ? 5 agosto)

?- XXI Premio Acqui Danza?????? Serata di Gala di consegna del Premio 2007

?Info:

Balletto Teatro di Torino

Prossimi Eventi

Eventi del sito

sabato 30-set-2017 -
domenica 01-ott-2017
sabato 14-ott-2017