Registrati Ora!
Entra
Benvenuto su COORPI
domenica, 30 aprile 2017 - 07:02
Condividi

ApprofondimentiTORINODANZA - Festival d\'autunno

6 settembre ? 8 novembre 2008

Alain Platel e Les Ballets C. de la B., Emio Greco, Sidi Larbi Cherkaoui, Israel Galv?n. Sono questi alcuni dei prestigiosi nomi con cui dal prossimo 6 settembre riparte Torinodanza, un progetto della Città di Torino realizzato dal Teatro Regio con il sostegno della Compagnia di San Paolo e della Regione Piemonte. Torinodanza Festival d´Autunno. Così s´intitola questa nuova edizione del progetto firmato da Gigi Cristoforetti. Negli ultimi quattro anni Torinodanza ha programmato oltre 100 spettacoli in 14 sale proponendo stili e tendenze assai diverse tra loro. Quest´anno il modello cresce con un duplice obiettivo: continuare ad approfondire specifici ambiti della danza contemporanea e sviluppare progetti pluriennali condivisi con le grandi istituzioni europee.
Ecco dunque il nuovo Torinodanza Festival d´Autunno: otto spettacoli, di cui ben sei in prima italiana, articolati tra settembre ? all´interno del cartellone di MITO Settembre Musica ? e novembre, mese dell´arte contemporanea. Più godibile e ritmato di un festival serrato, ma non disperso, o difficilmente leggibile, come può esserlo una stagione.
?
IL PROGRAMMA
Una società complessa, articolata, a suo modo ricca di percorsi e dimensioni creative, non può che generare la difficoltà di leggere sia il "micro" (un singolo spettacolo, una tendenza) che il "macro" (per esempio, "la danza contemporanea"). Torinodanza si sforza perciò di offrire un panorama articolato, necessariamente incompleto e di rendere nitidi e interpretabili alcuni stili o universi d'artista. Anche per aiutarci a riconoscere ciò che è consono alle nostre visioni o, al contrario, le può far crescere. Per il 2008 Torinodanza dedica un singolare ritratto alla danza fiamminga, con l'intera produzione stagionale de Les Ballet C. de la B. (dal "maestro" Platel ai giovani del suo vivaio, oltre al raffinato Origine di Sidi Larbi Cherkaoui). Emergerà anche il talento esplosivo e rigoroso al tempo stesso di Emio Greco, italiano di Amsterdam, presente con due veri capolavori come HELL e [purgatorio] POPOPERA. Un terzo piccolo spazio è dedicato all'incontro di danza e circo, ben rappresentato da Fen?tres di Mathurin Bolze, spettacolo capace di marcare definitivamente le possibilità creative di questo mix di discipline.
?
?
Per l´inaugurazione al Teatro Regio il 6 settembre, una vera "fiesta flamenca", con lo straordinario talento di Israel Galv?n al servizio di due miti spagnoli: la tauromachia e il flamenco. Una considerazione diversa e altrettanto significativa riguarda il legame di Torino con alcune delle più importanti realtà europee, grazie alla coproduzione di cinque degli spettacoli in programma, con partner quali Thè?tre de la Ville (Parigi), Holland Festival (Amsterdam), Festival d´Avignon, Sadler´s Wells (Londra), Le Grand Thè?tre de Luxembourg, Hebbel am Ufer (Berlino), Mercat de les Flors (Barcellona), Toneelhuis Muziekcentrum De Bijloke (Belgio).
?
?
?
GLI SPETTACOLI
?
Sabato 6 settembre, Teatro Regio, ore 21
ARENA ? coreografia e danza di Israel Galv?n
Arena è un classico del repertorio e della produzione coreografica flamenca che Galv?n rivisita radicalmente proponendo sei coreografie per sei tori e per sei arene: Israel Galv?n è solo al centro del palco, alle sue spalle un video con le immagini di Enrique Morente che canta con grande fervore. La carrellata dedicata ai tori inizia con Bailador, nome del toro che uccise Joselito El Gallo nel 1920. Si prosegue con Granaino, il toro che tolse la vita a Ignacio S?nchez Mej?as nel 1934, Pocapena, il toro che uccise Manuel Granero nel 1922, Burlero, il respiro e il silenzio della plaza de toros, e si chiude con Playero e Cantinero. ?
?
?
Martedì 9, mercoledì 10 e giovedì 11 settembre, Teatro Astra, ore 21
FENETRES ? di e con Mathurin Bolze
In Fen?tres Mathurin Bolze crea un spazio vitale interamente tridimensionale. Librandosi da un pavimento elastico usato come un trampolino, Mathurin scala i muri, salta fino al soffitto e resta sospeso alle finestre. L´acrobazia al tappeto elastico si trasforma così in qualcosa che attraversa con grande libertà i territori delle diverse arti sceniche, dando vita a uno spettacolo che mescola la purezza del movimento a momenti di forte drammaturgia visiva e di emozionante racconto. ?
?
Venerdì 26 e sabato 27 settembre, Limone Fonderie
Teatrali di Moncalieri, ore 21 PRIMA ITALIANA
?
PITIE´!
? Les Ballets C. de la B. ? Coreografia di Alain Platel/musiche Fabrizio Cassol ?
Platel e Cassol, co-autori del superbo vspr, visto a Torino nel 2006, tornano con il loro nuovo spettacolo ispirato a La passione secondo Matteo di Bach. Il tema centrale è il sacrificio di se stessi, questione capitale che Platel pone ai danzatori con i quali vuole continuare a sviluppare la "danza bastarda" della quale ha fatto il suo marchio di fabbrica.
Accompagna il trio musicale Aka Moon, arricchito dai contributi di altri strumentisti e cantanti.
(coproduzione di Torinodanza con: Thè?tre de la Ville, Le Grand Thè?tre de Luxembourg, Ruhr Triennale 2008, KVS)
?
?
Venerdì 3 e sabato 4 ottobre, sede da definire, ore 21
PRIMA ITALIANA
?
HELL ? Emio Greco | Pieter C. Scholten
In HELL Greco e Scholten esplorano a fondo i rapporti tra lo specifico linguaggio corporeo della danza e il teatro, l'opera, la musica contemporanea.
Ispirandosi alla pittura, alle performing arts, alla letteratura e alla musica (in particolar modo l'Inferno di Dante e l'Allegro con brio della Quinta Sinfonia di Beethoven) ribaltano il tradizionale punto di vista su queste opere e aprono a significati inediti che riecheggiano questioni esistenziali fondamentali: il rapporto tra il corpo e l´anima, il loro comune perdersi o salvarsi.
Martedì 7 e mercoledì 8 ottobre, sede da definire, ore 21
PRIMA ITALIANA
?
[purgatorio] POPOPERA
? Emio Greco | Pieter C. Scholten
Dopo il caleidoscopico HELL Emio Greco e Pieter C. Scholten continuano il loro viaggio attraverso La Divina Commedia di Dante con [purgatorio] POPOPERA. Danzando su di una composizione tecnorock di Michael Gordon, sette ballerini interagiscono con altrettante chitarre elettriche fino a una catartica metamorfosi nello strumento stesso. [purgatorio] POPOPERA mescola musicalità sporche con raffinati virtuosismi corporei così da cancellare i confini tra musica e danza. ?
(coproduzione di Torinodanza con: Holland Festival, Thè?tre de la Ville, Maison de la Culture d´Amiens, Festival d´Avignon, Teatro Duse, The Joyce Theater´s Stephen and Cathy Weinroth Fund for New York, Clarice Smith Center for the Performing Arts of Maryland)
?
?
Venerdì 17 e sabato 18 ottobre, Teatro Astra, ore 21
PRIMA ITALIANA
?
ORIGINE
? coreografia Sidi Larbi Cherkaoui ?
Atmosfera intimista, solo quattro danzatori scelti sia per rappresentare i quattro punti cardinali sia per simboleggiare le grandi correnti culturali: il Nord in opposizione al Sud e l´Est in opposizione all´Ovest. Racconti islandesi, robotica giapponese, spirito consumistico americano, terra africana. Questi quattro elementi si mescolano con due voci di donne, una araba e l´altra scandinava che interpretano i canti mistici, tra gli altri, di Hildegard Von Bingen. ?
(coproduzione di Torinodanza con: Toneelhuis, Thè?tre de la Ville, tanzhaus nrw D?sseldorf)
?
?
Martedì 4 e mercoledì 5 novembre, Teatro Astra, ore 21
PRIMA ITALIANA
?
PATCHAGONIA ? Les Ballets C. de la B. ? Lisi Estar?s
"La Patagonia per me è diventata un'ossessione: paese vasto, deserto e ventoso, costringe all'introspezione. Essere in Patagonia vuol dire amare il vento, conoscerlo e accettarlo". è a partire da queste considerazioni che Lisi Estar?s, dopo aver a lungo lavorato con Alain Platel, ha messo a punto la sua prima grande produzione: Patchagonia. Patchagonia è diventato così un luogo dell´immaginario dove i danzatori si incontrano e cercano di comunicare, di comprendersi al suono delle musiche create da Tcha Limberger ispirandosi ai ritmi folcloristici del Nord Argentina, chacarera e malambo in particolare.
(coproduzione di Torinodanza con: Victoria-Nieuwpoort, Hebbel am Ufer, Thè?tre de la Ville, La Rose des Vents, Le Rive Gauche, Le Grand Thè?tre de Luxembourg, Mercat de les Flors, Thè?tre les Tanneurs de Bruxelles)
?
?
Venerdì 7 e sabato 8 novembre, Teatro Astra, ore 21
PRIMA ITALIANA
?
APHASIADISIAC
? Les Ballets C. de la B. ? Ted Stoffer
Aphasiadisiac: il titolo è la crasi tra Afasia e Afrodisiaco. è con l´unione di queste due parole che il coreografo vuole raccontare l´amore, la speranza, le delusioni, i malintesi dopo la morte degli ideali romantici. L´esecuzione musicale poi merita una speciale menzione: saranno cinque artisti a crearla e a eseguirla sulla scena, in sala e nel foyer.
(coproduzione di Torinodanza con: Pallas Theatre - Elliniki Theamaton Production company, Sadler´s Wells)
?
?
Torino, 20 marzo 2008
?

Prossimi Eventi

Eventi del sito

luned 01-mag-2017 -
domenica 14-mag-2017
gioved 04-mag-2017
venerd 05-mag-2017
sabato 06-mag-2017
luned 08-mag-2017
mercoled 10-mag-2017
sabato 13-mag-2017
sabato 27-mag-2017