Registrati Ora!
Entra
Benvenuto su COORPI
gioved, 17 agosto 2017 - 15:30
Condividi

ConversazioniIntervista a Paola Fatima Casetta

Paola Fatima CasettaInsegnante di danza africana e animatrice interculturale

Torino – marzo 2009
di Sara Bonini Baraldi

Anche l’ASAI sta dietro casa mia, ma dalla parte opposta rispetto al Lumire, tra le calde vie di San Salvario. Pi volte mi ero riproposta di approfondire la questione ma (come spesso mi accade) mai l’avevo fatto. L’intervista a Paola Fatima cascava a fagiolo...troppe cose ormai mi incuriosivano: chi erano quei ragazzi in trampoli e striscioni colorati che sempre si vedevano festanti al corteo del primo maggio? e perch un’insegnante di danza africana mi dava appuntamento in un centro di animazione per giovani di matrice cattolica? E poi quel nome, Paola “Fatima”...

 

Sara: Come ti sei avvicinata alla danza africana?
Paola Fatima: Ho cominciato a studiare danza piuttosto tardi, perch prima ero in collegio, e mio padre non approvava. A 23 anni mi sono iscritta alla My Day Academy, la scuola di danza diretta da Sandra Scala ad Asti – la mia citt - studiando un p di tutto, dalla danza classica a quella moderna, hip-hop, flamenco e contemporanea. Ho scoperto la danza africana un paio d’anni pi tardi, grazie ad alcuni documentari che erano passati in televisione. Mi ci sono subito appassionata, ed ho chiesto alla My Day di realizzare dei seminari o corsi su questo genere di espressione. Dopo qualche tentativo stata chiamata Elena Bertuzzi, una bravissima danzatrice ora specializzata in Francia nella Labanotation. In quegli anni Elena cominciava a frequentare l’ambiente artistico francese, e per questo ha suggerito a me ed alle mie sorelle (anche loro danzatrici) di partecipare al festival di Avignone. E’ stato l che ho conosciuto il mio maestro: Koffi Koko. L’incontro con Koffi stato fondamentale, e mi ha portato ad intraprendere un percorso completamente diverso rispetto a quello della maggior parte delle persone di qui. E’ stato il mio destino: dopo 3 anni ho preso il posto di Elena alla My Day Academy ed ho capito che la danza africana e l’insegnamento erano la mia strada. Nel 1997 mi sono diplomata Insegnante di Danza Africana con CAE a Bordeaux.
 
Sara: cosa ti ha colpito di Koffi tanto da portarti ad intraprendere questo percorso?
 
Paola Fatima: Senza dubbio la sua personalit e la sua grande spiritualit. Koffi originario del Benin, dove un “iniziato” della religione Vodun, cio una specie di “cardinale”. Purtroppo il culto Vodun in occidente spesso frainteso, ma in realt una religione a tutti gli effetti, ed in Benin ufficialmente riconosciuta come religione di Stato. Le danze del Benin sono profondamente legate al sacro, e portano la persona che se ne avvicina ad intraprendere una ricerca interiore molto profonda. Per questo per poterti avvicinare seriamente alla danza africana sei obbligato ad intraprendere un percorso di un certo tipo: la danza diventa uno strumento di conoscenza di te stesso. Ora c’ molto fermento in occidente per quel che riguarda la danza africana, ma la distanza culturale grande, e poche persone sono davvero in grado di avvicinare l’altro a questo stile espressivo trasmettendone il profondo significato. Koffi ha sempre portato nel suo lavoro di danzatore questa spiritualit, ma senza mistificazioni, senza la volont di crearsi degli adepti. Inoltre insieme ad Elsa Wolliaston, Koffi ha avuto il grande merito di mettere a punto una pedagogia della danza africana diretta a persone di origine non africana.
Io, lavorando come assistente di Koffi, ho avuto la fortuna di ereditare questa esperienza didattica e allo stesso tempo di avvicinarmi al Benin.
 
Sara: raccontami del Benin...
 
Il mio primo viaggio nel Benin stato nel 1990. Da allora ci sono tornata sempre pi spesso, anche due o tre volte all’anno. Ora ci vado pi di rado, principalmente con l’associazione Danbal, con cui realizzo dei percorsi di avvicinamento alla cultura africana tramite la danza. Per quel che mi riguarda, l’incontro con il Benin nato da un bisogno di approfondimento personale a partire da un interesse artistico, ma poi ho cominciato a portarmi dietro questa esperienza in tutto quello che faccio. Inoltre in Benin ho anche intrapreso un cammino spirituale-religioso.  
 
Sara: Cio legato alla religione Vodun?
 
Paola Fatima: Si, ma il Vodun prima che una religione un modo di vedere il mondo e di rapportarsi col mondo. In quanto religione politeista porta infatti al suo interno un concetto fortissimo: la possibilit dell’uomo di relazionarsi a pi elementi. Nella religione Vodun ci molto utile anche per aiutare le persone nei momenti pi delicati della loro vita. In Africa, quando una persona si trova in difficolt, si rivolge agli iniziati per ottenere una “divinazione”, cio una specie di seduta psicologica in cui si discute del proprio essere e del proprio percorso di vita. Il divinatore interpreta alcuni segni divinatori, ma colui che si rivolge ai divinatori parte attiva della seduta, non la subisce passivamente. Questo un aspetto fondamentale che spesso viene dimenticato: la divinazione non l’atto di subire una decisione esterna ma il gesto attivo di una persona tramite cui si apre un orizzonte di possibilit. E’ la persona stessa che rivolgendosi al divinatore prende in mano la sua vita. Inoltre le divinazioni vengono fatte in relazione ad un “pantheon di divinit”: il singolo non visto come un essere isolato nell’universo, ma una parte del tutto, a questo strettamente collegato. E ne partecipe.
Questo approccio ti cambia completamente l’attitudine che hai nel mondo, e l’effetto grandioso. Certo, io continuo a studiare la danza e la tecnica, che la parte pi terrena di questo percorso, ma sento anche l’esigenza di approfondire l’aspetto spirituale, che fa stare bene me e gli altri...
 
Sara: come?
 
Paola Fatima: ad esempio intersecandosi al percorso che ho fatto nell’animazione culturale, una disciplina attorno a cui c’era molto fermento in Francia negli anni novanta, e in cui io mi sono successivamente diplomata nel settembre 2004. Quello che cerco di fare sempre di portare nel mio lavoro di insegnante di danza la mia esperienza come animatrice e viceversa. La danza uno strumento utilissimo per l’integrazione culturale, tanto pi lo dunque la danza africana, che obbliga ad avvicinarsi ad un altro popolo, a cose nuove e sconosciute.
 
Sara: in che senso la danza pu essere un utile strumento di integrazione culturale?
 
Paola Fatima: La danza pu agire su tre piani diversi. Innanzi tutto, sul piano tecnico-professionale, molto utile al singolo, aiutandolo a sentirsi bene col proprio corpo e a migliorarlo nel suo aspetto. Poi aiuta nell’integrazione con l’altro, non necessariamente di un altro continente: fare parte di un gruppo significa avvicinarsi agli altri attraverso il gioco della danza, accettare la relazione, e sperimentarsi in questa. Infine la danza un’utile strumento di integrazione tra i popoli. Quando ci si avvicina ad una forma d’arte di un altro continente e ci si appassiona, l’interesse che nasce nell’aula solitamente non si esaurisce l. Porta a leggere, a guardare documentari, a viaggiare. Porta a conoscere la realt dell’Africa e ad uscire dai luoghi comuni. Si parte da un aspetto ludico, dalla danza, ma poi questa ti porta molto oltre: ti porta a conoscere.
 
Sara: E qui ad Asai di cosa di occupi?
 
Paola Fatima: Tengo un corso di danza africana e aiuto un paio di ragazzi con i compiti, due volte a settimana. Ma i compiti sono pi che altro una scusa per dare un ascolto a ragazzi che non hanno nessuno con cui parlare e confrontarsi. Nel gergo dell’animazione culturale questo si chiama “accompagnamento solidale”. Ci vuole del tempo per conquistarsi la loro fiducia, ma dopo un p cominciano ad aprirsi, ed ottenere un appoggio e un’amicizia da parte di una persona adulta per loro davvero importante. Ora per esempio mentre parlo con te sto aspettando che arrivi Eros, un ragazzo di Siano in provincia di Salerno (ma lui qui a Torino si sente uno straniero!) il cui padre, ex operaio Fiat e militante politico, morto qualche anno fa in un incidente stradale. La madre lavora come operatrice scolastica a Milano e lui vive a Torino da solo col fratello. Eros davvero un “personaggio”, tanto che nel musical che stiamo preparando lui sar il protagonista...
 
Sara: state realizzando un musical con i ragazzi?
 
Paola Fatima: Si, da un p di tempo stiamo lavorando alla realizzazione di un musical che coinvolga tutti i ragazzi che vengono a passare qui il doposcuola. Io ho proposto che venissero fatte delle audizioni, e devo dire che stata una buona idea perch in questo modo sono venuti fuorimoltissimi talenti nascosti, persone che magari nel quotidiano non emergono perch timidi, o perch non conoscono ancora bene l’italiano. Ora stiamo lavorando per inserire nella drammaturgia tutti i laboratori di danza e le parti musicali, in modo da dare spazio a tutti questi talenti. E’ un lavoro grosso ma molto stimolante. Il problema che dobbiamo farlo nei ritagli di tempo, perch qui siamo quasi tutti volontari: molti sono insegnanti in pensione, ma alcuni hanno anche un altro lavoro e vengono qui quando possono. Lo stesso presidente di ASAI Sergio Durando lavora come volontario, oltre ad avere un impiego all’Ufficio Pastorale Migranti della Diocesi di Torino. Lui davvero una persona speciale, ha aiutato ed aiuta moltissime persone.
 
Asai: Ma come funziona esattamente ASAI?
 
Asai nasce come associazione di salesiani, quindi ha una matrice cattolica, ma poi si trasformata in qualcosa di diverso (io per esempio non sono cattolica...ma qui lo sanno tutti! E non un problema). Accoglie tutte le fasce d’et, dal bambino all’adulto, ma principalmente ragazzi tra i 16 e 25 anni, stranieri ma non solo. Ci sono anche alcuni studenti universitari che vengono a Torino dal sud-Italia, per esempio. Cerchiamo di affiancare i ragazzi nello studio ma proponiamo anche tutta una serie di attivit che permettono l’inserimento e l’integrazione.
 
Sara: e tu come sei arrivata qui?
 
Paola Fatima:
Ho iniziato a venire qui nel 2001 per fare tirocinio, mentre frequentavo un corso di tre anni per animatori culturali finanziato dalla Regione Piemonte. Ora questi percorsi per animatori culturali sono stati inglobati all’interno delle universit, ma allora li tenevano le cooperative, e devo dire che per quel che mi riguarda stata un’esperienza molto utile ed interessante: la maggior parte delle lezioni non erano frontali ma “esperienziali”, venivano utilizzati molto i giochi di ruolo, in modo da insegnare all’animatore a sperimentarsi in situazioni diverse, in relazioni diverse. Ancora oggi porto molto di quella esperienza nel mio lavoro di insegnante di danza, dove cerco di fare in modo che tutti vengano ascoltati, che ognuno trovi il proprio spazio... In ogni caso il corso prevedeva, fin dal primo anno, molte ore di tirocinio presso un’associazione a scelta. Proprio nei giorni in cui dovevamo scegliere dove svolgere il nostro tirocinio mi capitato tra le mani un giornale in cui si parlava di ASAI....io credo molto nel destino, e cos mi sono messa in contatto con loro ed ho iniziato la mia esperienza qui. Ed era esattamente quello che volevo fare.
 
Sara: raccontami del laboratorio di danza africana...
 
Paola Fatima: Dopo un p di tempo che lavoravo qui mi hanno chiesto di tenere un laboratorio di danza africana per ragazzi. Inizialmente non stato facile, perch non pagando i ragazzi pensavano di poter fare un p quello che volevano, di venire quando gli pareva, di non rispettare gli orari ecc. Poi per hanno capito che se volevano partecipare bisognava farlo responsabilmente. Nell’idea di animazione da cui provengo io ogni cosa dovrebbe essere partecipata e patteggiata, ognuno dovrebbe essere parte attiva del percorso che si intraprende e delle scelte che si fanno a partire dai “tavoli” di discussione. Qui per un p diverso perch si risponde a bisogni impellenti e non sempre si ha il tempo di lavorare in questo senso, per cui ho dovuto fare un p di compromessi di metodo, imponendo un minimo di disciplina.
 
Sara: Chi sono i tuoi allievi del laboratorio?
 
Paola Fatima: Attualmente ho un gruppetto di ragazze che vengono dal Messico, dal Marocco, dal Per, dal Congo, dal Portogallo, e dall’Italia. Fino a poco tempo fa c’era anche Anif, un ragazzo molto simpatico che faceva anche parte di un gruppo di danze afghane, ma ora lavora e non riesce pi a venire, e Kamal, un ragazzo marocchino che stava sempre dietro alle gonnelle... In ogni caso bisogna stare attenti, perch diverse persone cercano di “infiltrarsi” (qui il corso quasi gratuito, mentre nelle scuole i corsi sono molto pi cari...) ma naturalmente ASAI non pu accogliere tutti, e cerca di dare la precedenza ai ragazzi in stato di bisogno. Per questi ragazzi venire ad un corso di danza, fare parte di un gruppo, significa molto: significa avvicinarsi agli altri. Se il gruppo funziona si creano delle sinergie, le persone si incontrano e le relazioni spesso vengono mantenute anche al di fuori del corso. Questo gi un grande risultato di integrazione, perch solitamente sono ragazzi molto soli.
 
Sara: Un’ultima domanda (quasi me ne dimenticavo)... perch “Fatima”? il tuo vero nome?
 
Paola Fatima: il nome che mi ha dato un mio amico del Benin nel ‘95. In Benin sono molto aperti, molti hanno una seconda religione, e lui e la sua famigliaseguono sia la religione Vodun che la religione musulmana. Fatima un nome musulmano. Sono loro che l’hanno scelto per me.
 
Durante tutta l’intervista avevo osservato con curiosit il simpatico look di Paola Fatima: capelli rossi a spazzola, elegante tailleur, stivali coi tacchi, ed una curiosa spilla di Obama appuntata al bavero. Approfitto dei saluti per chiederle della spilla.... “me l’hanno portata da Washington subito dopo le elezioni USA, e da allora non l’ho pi tolta. Certo, di mentalit pur sempre un americano, ma qui si premia un’altra cosa....”


Tag: Conversazioni Casetta

Relativo a..

Prossimi Eventi

Non ci sono nuovi eventi