Registrati Ora!
Entra
Benvenuto su COORPI
mercoled, 29 marzo 2017 - 05:13
Condividi

ApprofondimentiIl mondo dello spettacolo si attiva per il mancato reintegro del FUS

Mentre si accinge ad ospitare il G8, presentando l'Italia come il paese della cultura e dell'arte, il Governo assesta un colpo micidiale alla cultura e all'arte italiane. E’ questa la denuncia di Agis, Anica, Anac, 100Autori che evidenziano che il Consiglio dei Ministri si è rifiutato di adottare il decreto di parziale reintegro del pesante taglio al Fus, Fondo unico dello spettacolo, che avrebbe consentito una  sopravvivenza minima delle attività culturali (teatro, cinema, danza, opera, musica, circhi e spettacoli viaggianti), pur restando l'investimento pubblico complessivo dell'Italia il più basso fra quelli dei paesi sviluppati.
Intanto oggi al teatro Sala Umberto a Roma parlamentari di diversi schieramenti e personaggi dello spettacolo presenteranno le iniziative da mettere in campo.


All'incontro promosso dai deputati del Pdl Luca Barbareschi (foto) e Gabriella Carlucci prenderanno parte i parlamentari Luigi Nicolais (Pd,) vice presidente commissione cultura della Camera, Emilia De Biasi (Pd), Giovanni Bachelet (Pd), Fabio Granata (Pdl), tutti componenti della commissione Cultura della Camera.

Dall’inizio dell’anno sono stati adottati diversi provvedimenti a sostegno delle imprese in molti settori ma nessuno nello spettacolo, ignorandone non solo il ruolo di innovazione e creazione, cruciale in una società avanzata,  ma persino il fondamentale rilievo in termini imprenditoriali e sopratutto occupazionali, mettendo  in ginocchio migliaia di imprese e a repentaglio il futuro di 200 mila lavoratori del settore.
Mentre il Governo si vanta di mantenere gli impegni, in questo caso smentisce i suoi stessi rappresentanti di fronte al mondo della cultura e allo stesso Presidente della Repubblica. Perché solenne è stato l'impegno a reintegrare i fondi per le attività culturali preso dal ministro Bondi e dal sottosegretario Letta durante la cerimonia di presentazione dei David di Donatello al Quirinale. Talmente solenne da riscuotere l'approvazione del Presidente Napolitano. Altrettanto impegnative le dichiarazioni del sottosegretario Giro alle Giornate del Teatro di Napoli, sul reintegro del Fus e sulla urgente definizione di una riforma dello spettacolo.
Di fronte a tale prova di ostentato  disinteresse per la cultura e smentendo gli stessi membri del Governo, che delle Politiche culturali  sono i  responsabili, di fronte alla perdita della credibilità da parte degli interlocutori istituzionali, il mondo delle attività culturali condurrà una campagna di denuncia e di mobilitazione per far conoscere la grave situazione e far valere le sue istanze.
Il cinema, la musica, la danza, l'opera, il teatro, i circhi, gli spettacoli viaggianti italiani producono eccellenze riconosciute internazionalmente e sono parte della cultura mondiale: la loro messa in crisi non è solo un problema nazionale.  Per questo motivo - concludono Agis, Anica, Anac e 100Autori - il terreno delle iniziative di denuncia e di immediata mobilitazione delle associazioni che rappresentano le attività culturali avrà la più vasta dimensione  internazionale.

Prossimi Eventi

Eventi del sito

sabato 01-apr-2017
sabato 15-apr-2017