Registrati Ora!
Entra
Benvenuto su COORPI
sabato, 21 ottobre 2017 - 10:40
Condividi

Approfondimenti“Sciopero! Lo spettacolo insorge contro i tagli”

L'Unità - La protesta contro i tagli dei musicisti del Conservatorio di Padova nel 2006di Luca Del Fra
«Vogliamo la serrata!!!» e giù applausi. «Blocchiamo la mostra del cinema di Venezia» e arrivano le ovazioni. «Dobbiamo fermarci per mesi, fermare anche le fiction e la televisione» e qui sono davvero tutti d’accordo. C’è rabbia, sconcerto, delusione all’incontro della gente di spettacolo, attori, tecnici, registi e operatori organizzato dall’Associazione 0.3 ieri a Roma. Niente soldi per le attività culturali dal governo: non ci sarà il reintegro del Fondo unico dello spettacolo, promesso dal ministro della cultura Bondi perfino al presidente della repubblica Giorgio Napolitano. Resta il taglio operato dal governo Berlusconi del 40% delle risorse.
L’intero mondo dello spettacolo è al collasso, sono a rischio 200mila posti di lavoro, e vedremo che lavoro. Allora forse non casualmente ieri c’erano moltissime persone all’incontro promosso da 0.3 una piccola associazione di giovani artisti e tecnici teatrali, con scarso peso politico ma una fortissima motivazione. Volevano discutere della proposta di legge sullo spettacolo Carlucci, ma ha preso il sopravvento la delusione per la bocciatura degli emendamenti per reintegrare i fondi con cui vivono teatri e teatri d’opera, cinema e associazioni musicali, danza e sperimentazione.


«Non siamo considerati neppure dei veri lavoratori» dice da una parte Alessandro Riceci: «Nessun ammortizzatore sociale per noi attori…», ma lo stesso vale per danzatori, musicisti, tecnici. È sorprendente come nel senso comune l’attore sia considerato un privilegiato che guadagna molto e lavora poco: secondo un recente studio pubblicato anche sul sito dell’Osservatorio dello spettacolo gli attori di media guadagnano 7mila euro l’anno e hanno contributi per appena 30 giorni lavorativi in 12 mesi - dato falsato dal fatto che spesso per pagare meno contributi vengono fatte risultare lavorative solo le giornate di spettacolo, pagate a forfait, ma non le prove.
Mariano Anagni produttore teatrale non ha mezzi termini: «Non so se quello che faremo risolverà, ma va fatto. E poi diciamolo: sindacati, associazioni di categoria e politica hanno fallito. La mia generazione di dirigenti che oggi comanda i teatri a livello culturale fa pietà». (Ovazioni del pubblico). Giovanna Velardi, coreografa e danzatrice, propone che lo statuto degli artisti dell’Unesco diventi una legge Europea così che l’Italia sia obbligata a recepirla: «In Francia quando non lavoravo avevo 1200 euro di sussidio di disoccupazione in Italia 2mila l’anno, forse».
Si parla di sciopero a oltranza, di serrata e la propone addirittura un privato come Vincenzo Monaci, il presidente del Teatro Eliseo di Roma, che assicura: «Se poi gli attori vogliono aprire tutto il giorno per fare spettacolo gratuitamente, basta che convincano i tecnici e gli dò le chiavi». Bloccare la mostra di Venezia sarebbe un colpo mediatico straordinario: «E poi visto che inaugura Bagheria di Tornatore, il film che è più costato in tutta la storia del cinema italiano, e prodotto dalla Medusa il cui amministratore delegato è il figlio di Gianni Letta: beh magari qualcosa otteniamo…» aggiunge sornione Piero Maccarinelli. Ma il vero problema, continua il regista bresciano, è «formare una coscienza della nostra professione, far capire alla gente che siamo dei lavoratori, creare un’associazione dal basso che ci riunisca. Occorre che chi ha un bel faccino e viene invitato la sera da Marzullo, che oramai invita tutti, spieghi in tv cosa è il Fus e a cosa serve veramente alla casalinga lombarda». È evidente che l’esigenza di reagire ai tagli economici indiscriminati del governo è divenuta impellente: «A ottobre dobbiamo azzerare la riapertura delle stagioni» è una proposta solo all’apparenza estremista: per la fine dell’estate l’intero settore in bancarotta.

 
Fonte:
L’Unità, 17 luglio 2009
 

Prossimi Eventi

Eventi del sito

venerdě 20-ott-2017 -
sabato 21-ott-2017
sabato 21-ott-2017 -
domenica 22-ott-2017

sabato 21-ott-2017
sabato 28-ott-2017 -
domenica 29-ott-2017