Registrati Ora!
Entra
Benvenuto su COORPI
sabato, 25 marzo 2017 - 16:29
Condividi

ApprofondimentiAPPELLO - Carta Emergenza Cultura in Piemonte

Emergenza cultura PiemonteQuesto appello rivolto a tutti gli abitanti del territorio regionale piemontese affinch, in questo periodo di crisi, ritenendo di importanza strategica i beni e le attivit culturali di pubblico interesse, firmino per sostenere la richiesta di ripristino dei fondi dello Stato, della Regione Piemonte e degli Enti Locali destinati alla cultura.

Il Comitato Emergenza Cultura che promuove l’appello un organismo spontaneo, senza connotazioni politiche, nato dall’impellente necessit di sensibilizzare la pubblica opinione sui valori della cultura e di costruire una piattaforma di proposte nei confronti delle varie Istituzioni pubbliche. Il Comitato costituito da operatori che prestano volontariamente il loro impegno.

La cultura un diritto sancito dalla Costituzione (Art. 9) e la sua promozione un dovere delle Pubbliche Amministrazioni. Essa rappresenta un investimento, non una spesa.

La cultura infatti sostiene la crescita del nostro Paese, la sua economia, la sua coesione sociale, il futuro delle nuove generazioni.
I “tagli alla cultura”, in particolare da parte della Regione Piemonte, riguardano dunque non solo gli operatori culturali e gli amministratori degli Enti Locali, ma tutti i cittadini, giovani, adulti e anziani che usufruiscono delle iniziative e dei beni culturali diffusi su tutto il territorio. Biblioteche, musei, enti culturali, attivit di teatro, danza, cinema, musica, festival, rassegne e molte iniziative di aggregazione, di formazione e d’informazione, sono attualmente sul bordo di un baratro dove potrebbero precipitare portandosi dietro una buona parte della qualit della vita delle nostre comunit.
 
Alcuni dati significativi spiegano come l’investimento in cultura renda sia in termini di redditivit sociale sia in termini puramente economici (vedi indotto). Il nostro Paese potrebbe essere molto pi ricco se sapesse utilizzare bene le proprie risorse culturali.
  • L' Italia nel 2010 ha investito in cultura lo 0,21% del PIL e nel 2011 tale cifra scesa allo 0.1% del PIL.La Media Europea d'investimento in cultura del  3% del PIL, riconoscendo al settore un forte valore anticiclico.
  • La spesa Regionale per la cultura nel 2010 stata pari allo 0,6 del Bilancio totale, concorrendo per per circa l'11% di economie.
  • Nel 2011 la spesa Regionale per la cultura sar pari allo 0,31% del Bilancio totale, con un esborso pro-capite annuo a carico del singolo cittadino piemontese che non raggiunge i 15 euro!
Nello stesso 2011 la spesa Regionale per trasporti, infrastrutture, mobilit e logistica sar pari al 10% del Bilancio totale, con un esborso pro-capite annuo a carico del singolo cittadino piemontese di circa 450 €.
  • I dati Istat relativi al 2010 attestano gli addetti occupati nel settore culturale in Piemonte in 37.000 unit (i lavoratori dello Stabilimento di Fiat Mirafiori sono nel complesso circa 5.400) che, considerando tutto l'indotto generato, raggiungono oltre 280.000 occupati. L'et media degli addetti in ambito culturale si situa tra i 30-45 anni, con una maggioranza di occupazione femminile.
  • Il Turismo che produce il 3,5% del PIL Regionale e che, negli ultimi 8 anni ha visto un incremento del 43% di presenze rivela un crescente peso della componente culturale: il 40% dei turisti, infatti, dichiara di venire in Piemonte perch attirato principalmente dai beni e dall'offerta culturale.
 
 
Come si pu vedere, il settore culturale quello su cui vengono investite meno risorse economiche e, in proporzione, il settore che crea un maggiore indotto. L’Italia in particolare, per le sue risorse di beni artistici, storici ma anche per la sua vivacit nel contemporaneo, detiene un primato mondiale di interesse. Peraltro i tagli sono in controtendenza rispetto al fatto che negli ultimi anni c’ stato un forte aumento della domanda di cultura nel nostro Paese da parte degli italiani e degli ospiti stranieri.
 
La cultura a cui ci riferiamo non fatta di sprechi e di “grandi eventi”. E’ la pratica quotidiana e diffusa fatta di uso corretto delle risorse, fondata sul principio della “sostenibilit”.
La maggior parte degli operatori artistici e culturali hanno retribuzioni simili (se non al di sotto) agli stipendi degli insegnanti della scuola o degli operai delle fabbriche. La loro reale condizione dunque ben lontana dai miti fasulli che identificano l’ ambiente culturale nei personaggi dalla vita dorata, buoni per gli scandali, per i compensi da capogiro e per una infinit di inutili gossip. La loro attivit professionalecontinuativa riesce inoltre ad aggregare l’impegno di numerosissime altre persone (volontari, apprendisti, semiprofessionisti, collaboratori occasionali) a vantaggio di tutti. E se i lavoratori del settore culturale sono riusciti in questi anni a svolgere la loro professione stato grazie soprattutto al riscontro del pubblico (spettatori, frequentatori di biblioteche, musei, istituti culturali) che riconosce la qualit del loro impegno.
 
La cultura non ha un colore politico, ma ha in s tutti i colori.
La cultura da sempre parte integrante dello sviluppo dell’individuo e della societ di riferimento. La cultura ricerca, comunica e sviluppa le infinite esperienze, idee e visioni dell’essere umano che si arricchisce nello scambio con gli altri. E’ necessario liberare la cultura, in tutte le sue forme, dalla pervasivit della politica e dei partiti.
 
Ripristino e sviluppo degli investimenti pubblici destinati alla cultura.
In considerazione dei gravi tagli economici al sostegno della cultura decisi dagli Enti territoriali e dal Ministero dei Beni e delle Attivit Culturali, avvenuti nel 2010 e previsti nell’anno in corso, il Comitato Emergenza Cultura del Piemonte chiede allo Stato e alle Amministrazioni Pubbliche una sollecita revisione dei bilanci affinch le attivit e i beni culturali possano continuare ad esistere e svilupparsi sul nostro territorio.
Oggi, tutti gli operatori culturali si trovano nella condizione di non sapere cosa potr accadere domani, se quest’anno potranno continuare a lavorare e se i programmi per i quali si sono gi impegnati potranno essere rispettati.
In queste condizioni non pi possibile andare avanti !
Vanno ristabiliti i fondi economici necessari al mantenimento dell’offerta culturale sinora fornita, in quanto essi sono, come risulta dai dati suesposti, i pi bassi d’Europa.
Poich non ci nascondiamo le difficolt chiediamo che, qualora si verifichino delle riduzioni, esse siano programmate con criteri trasparenti e condivisi.
Proponiamo inoltre che si studino incentivi attraverso forme di detassazione (Irpef, Irap o altro) per le imprese private che intendono sostenere le attivit culturali e che gli stanziamenti assegnati ad ogni soggetto siano per il futuro certi e definiti triennalmente al fine di consentire quella continuit indispensabile alla realizzazione effettiva di qualsiasi progetto o servizio culturale.
 
Richiediamo quindi al pi presto una rapida risposta dalle Amministrazioni Pubbliche, affinch sia possibile prevedere l’immediato futuro: quale potr essere la condizione dei lavoratori dei vari settori culturali e quale sar la sorte della cultura per gli abitanti del Piemonte.
 
 
                                               COMITATO EMERGENZA CULTURA DEL PIEMONTE

 

NDR Il comitato sta procedendo con una raccolta firme attraverso un modulo per la sottoscrizione della Carta che verr divulgata in tutte le sedi opportune.
 
Chi volesse sottoscrivere l'appello o contribuire alla raccolta firme pregato di compilare ed inoltrare il modulo a
 
Per informazioni
 

comitatoemergenzacultura@gmail.com

 

Prossimi Eventi

Non ci sono nuovi eventi