ROSENZEIT - Un solo per Ornella Balestra

lunedì, 13 febbraio 2012 - 17:04

Ornella BalestraProsegue la Stagione di danza alla Lavanderia a Vapore di Collegno, ospitando un’artista raramente vista a Torino, nonostante i numerosi consensi ricevuti all’estero. Giovedì 16 febbraio alle ore 21:00, la prima italiana di “Rosenzeit, a solo for Ornella Balestra” di Luca Giacomo Schulte danzato e creato da Ornella Balestra, ballerina internazionale di origine torinese da anni interprete e musa del coreografo tedesco Raimund Hoghe. 

Due incontri completeranno il programma della serata cui partecipa lo stesso Raimund Hoghe, che illustrerà con materiali multimediali il suo lavoro.

Una serata che rappresenta la duplice e piuttosto rara occasione di ritrovare una carismatica danzatrice torinese come la Balestra, in altri tempi solista di Bejart, e un coreografo molto presente ed apprezzato in Europa come l’italo-tedesco Schulte. Il loro “Tempo delle rose” corona una collaborazione nata sotto l’ala di Raimund Hoghe, artista globale più che semplice coreografo, che li ha fatti incontrare e lavorare insieme già molti anni or sono, consegnando loro un ideale testimone e legandoli al filo rosso che unisce tutti a Pina Bausch, per cui Hoghe è stato drammaturgo. Con Hoghe, e poi con Schulte, per Ornella Balestra è nata una nuova e feconda vita artistica.

Rosenzeit, prima opera teatrale di Schulte, ha debuttato a Düsseldorf nel 2009 e ha riscontrato ottimi consensi. Un “languido, minimalista trattato sui generi sessuali, sulla bellezza, come una pittura in continua evoluzione” (Mary Kate Connolly in Dance Theatre Journal). “Una prima creazione” in cui “gli anni al fianco di Hoghe valgono oro. Una tale maturità crea un vero colpo di teatro.” (Thomas Hahn in Danser).
 
Creare un solo è sempre fare un doppio ritratto. Primo quello del soggetto, in questo caso Ornella Balestra, danzatice italiana che fu solista da Béjart e che incarna dal 2003 un' idea della donna nei lavori del coreografo tedesco Raimund Hoghe. E dopo quella del coreografo, Luca Giacomo Schulte, di origini italo-tedesche, anch'esso legato al nome di Raimund Hoghe di cui è collaboratore artistico dall'inizio degli anni '90. Ed è proprio  questo che gioca un ruolo importante nella piéce: un intimità a due, aldilà del loro maestro comune Raimund Hoghe, un legame a due che passa attraverso la cultura italiana (le canzoni di Mina) e il romanticismo tedesco che "illumina" il solo quando si snoda sull'aria di "Mein schöner Stern" di Robert Schumann. Laurent Goumarre (France Culture)
 
Programma 16 febbraio
Ore 21,00 Raimund Hoghe presenta la sua poetica artistica. Introduce Chiara Castellazzi.
Ore 21,30 Ornella Balestra interpreta “Rosenzeit, a solo for Ornella Balestra”, coreografia di Luca Giacomo Schulte.
Ore 22,30 Incontro con Ornella Balestra e Luca Giacomo Schulte condotto da Chiara Castellazzi.
 
ROSENZEIT - Un solo per Ornella Balestra
Regia LUCA GIACOMO SCHULTE
Concept/Produzione/Direzione: Luca Giacomo Schulte
Danzatrice: Ornella Balestra
Coproduzione: Centre Chorégraphique National de Franche-Comté à Belfort dans le cadre d'acceuil studio, Theater im Pumpenhaus Münster, tanzhaus nrw Düsseldorf.
Con il sostegno di: Landeshauptstadt Düsseldorf. Si ringrazia ACTI Teatri Indipendenti Torino.
 
Biglietti: 10 euro, ridotto 8; On line: www.vivaticket.it
Per informazioni: 011/0812411, info@ballettoteatroditorino.it


COORPI
http://www.coorpi.org/article.php/20120213170427232