Registrati Ora!
Entra
Benvenuto su COORPI
luned, 20 novembre 2017 - 20:01
Condividi

VarieINTERPLAY 2017 - dal 16 al 30 Maggio

INTERPLAY il festival che in primavera porta a Torino compagnie e danz’autori da tutto il mondo, selezionando il meglio della nuova scena contemporanea, con spettacoli in teatro e appuntamenti site specific di danza in piazze e spazi metropolitani della citt.
Secondo una formula sperimentata negli anni e parte integrante del progetto, ogni serata in teatro presenta pi spettacoli, ospitando come sempre autori pi affermati accanto a compagnie emergenti.
Interplay, fin dalla sua nascita, si dato la missione di sostenere in modo particolare le GIOVANI PROMESSE DELLA DANZA CONTEMPORANEA: per questo il festival entrato a far parte di importanti network nazionali e internazionali e attiva costantemente progetti di supporto e promozione dei coreografi in cui riconosce un particolare talento, ospitando al festival gli spettacoli pi interessanti.
 

 
Nella diversit delle poetiche e delle urgenze artistiche, anche quest’anno Interplay porter in scena la complessit del vivere contemporaneo, delineando un quadro vivo ed emozionante dove giovani emergenti e compagnie pi affermate si confronteranno su diversi palcoscenici, portando al pubblico forti emozioni, capaci di appassionare, ma anche di portare un momento di riflessione.
In una quotidianit sempre pi fragile, l’arte ha il compito di valorizzare l’impegno civile, favorire confronti e la conoscenza di nuovi orizzonti artistici e sociali. In questo contesto la prossima edizione del festival continua il percorso scelto negli ultimi anni, con un’apertura e curiosit verso panorami coreografici e geografici nuovi, al fine di valorizzare e incrementare il dialogo interculturale con artisti, danzatori, musicisti, video maker provenienti da 13 paesi europei ed extra-europei.
Il festival si sviluppa fra Torino, Moncalieri e Collegno lungo due settimane nella seconda met di maggio, incominciando al Teatro Astra il 16 e 19 maggio, per poi spostarsi il 20 maggio in 3 magnifiche piazze del Centro Citt per la sezione dei Blitz Metropolitani di danza urbana (Piazza Vittorio Veneto, la rinnovata Piazza “Carlina” e gli spazi OUT della Cavallerizza Reale), per raggiungere infine le Fonderie Limone di Moncalieri il 23 e 26 maggio e chiudere alla Lavanderia a Vapore di Collegno il 25 e 30 maggio.
Il 27 maggio uno spettacolo site specific realizzato da giovani ragazzi provenienti da diverse estrazioni sociali e culturali, curato da Alotto&Fontanelle e ispirato all’Odissea, che si realizzer nelle affascinanti location delle Porte Palatine.
20 compagnie, 11 italiane e 9 straniere. Una scelta artistica che ha privilegiato spettacoli con pi interpreti e autori, sia a livello nazionale che internazionale, con percorsi artistici importanti, affiancati come sempre da giovani coreografi emergenti, dai linguaggi coreografici e poetici coraggiosi e personali.
 
FOCUS YOUNG ARAB CHOREOGRAPHERS
Per la prima volta Interplay si apre al bacino del mediterraneo, con una sezione del festival dedicata alle compagnie provenienti da diversi paesi arabi. Il progetto si sviluppato in sinergia con altre realt italiane, molte delle quali hanno partecipato alla piattaforma della danza araba a Beirut la primavera scorsa. Festival, rassegne e centri di residenza in Italia hanno costruito un calendario sinergico dimostrando la capacit di fare networking, ottimizzando l’ospitalit delle compagnie e offrendo ai giovani coreografi arabi opportunit tra residenze coreografiche, workshop e date di spettacolo in giro per il paese tra maggio e settembre 2017. A Interplay/17 gli artisti selezionati presenteranno il loro lavoro nella giornata del 26 maggio, incontrando il pubblico dopo gli spettacoli per un dibattito conoscitivo sulla loro esperienza di lavoro e di vita, coordinato dal Professore Alessandro Pontremoli in collaborazione con il Dams/UniTo.
Il libanese GUY NADER presenta TTTTTT, sintesi di “Time Takes The Time Time Takes”, per 5 interpreti. Spettacolo reduce da un tour europeo importante e una data al festival indiano Attakkalari, osserva il concetto fondamentale del tempo come ripetizione e accumulo di oscillazioni, creando complessi meccanismi e costellazioni spazio-temporali. Una proposta fisica, rischiosa e precisa, che suggestiona tramite la perseveranza e la persistenza dell’idea del tempo come un continuum. Movimenti ripetuti che incorporano i meccanismi di misurazione del tempo e dello spazio, che esplodono tramite incontri differenti evolvendosi in un moto perpetuo. Le creazioni di Nader sono state presentate in eventi e teatri internazionali, passando dal Regno Unito, alla Germania, al Libano, alla Corea del Sud.
Pi giovane il libanese BASSAM ABOU DIAB con lo struggente UNDER THE FLESH, una riflessione personale che nasce dalla domanda su come il corpo reagisca in situazioni di guerra o pericolo. Come pu l’istinto di sopravvivenza in allerta costante articolarsi e trasformarsi in una coreografia della sopravvivenza? E quanto la continuit e la ripetizione di un certo tipo di violenza influenza le reazioni dei sopravvissuti?
Infine, il tunisino HAMDI DRIDI in TU MEUR(S) DE TERRE ci offre una danza della memoria, quella del padre scomparso. Un mausoleo coreografico intenso, i gesti che disegnano lo spazio, guardano nel profondo e raccontano la presenza paterna, una componente essenziale dell’identit di Hamdi Dridi. Ora egli raccoglie le immagini, i ricordi di gesti ripetuti, l'esaurimento del movimento, dell’eleganza.
 
GLI ITALIANI
ROBERTO CASTELLO sar il 19 maggio al Teatro Astra di Torino. Forse il pi ideologicamente impegnato e scomodo tra i coreografi che hanno fondato la danza contemporanea in Italia, comincia a realizzare le sue prime coreografie negli anni ’80. Da allora riceve svariati premi, tra cui il Premio UBU nel 1986 e nel 2003 con i lavori Il Cortile e Il migliore dei mondi possibili. Durante la sua carriera collabora, tra gli altri, con Peter Greenaway, Eugne Durif, Rai3/Fabio Fazio e Roberto Saviano, Studio Azzurro. A Interplay porter IN GIRUM IMUS NOCTE ET CONSUMIMUR IGNI, un lavoro notturno a cavallo fra cinema, danza e teatro che sta riscuotendo un grande successo di critica. I suoi personaggi si proiettano in un passato senza tempo abitato da un'umanit allo sbando che avanza e si dibatte oltre lo sfinimento, fino al limite della trance. Metafora del vivere come infinito consumarsi nei desideri, per diventare un'esperienza catartica della sua, anche comica, grottesca fatica.
Atteso anche il ritorno di SIMONA BERTOZZI, il 30 maggio alla Lavanderia a Vapore di Collegno. Vincitrice nel 2007 del concorso coreografico GD’A (Giovani Danz’autori dell’Emilia Romagna), selezionata per il network Aerowaves. Con la sua compagnia Simona Bertozzi/Nexus, fondata nel 2008, ha presentato le sue produzioni nei pi importanti festival nazionali e internazionali (Romaeuropa, Biennale Danza Venezia, Aerowaves Londra, Dance Week Festival Zagabria, Tanec Praha Praga, Correios em Movimento Rio de Janeiro, MasDanza Spagna, Intradance Mosca, Fringe Festival Edimburgo). In PROMETEO: IL DONO, un trio che completa il secondo quadro coreografico del progetto Prometeo, la riflessione sulla natura del dono si attualizza nella capacit di addentrarsi in una traiettoria d’indagine, di esercitare un linguaggio che, nella sostanza del gesto e del movimento, possa farsi luogo della visione e delle mutevoli corrispondenze fra le immagini.
Altro significativo ritorno quello di SILVIA GRIBAUDI, coreografa e performer, vincitrice premio pubblico e giuria GD'A Veneto 2009, selezionata nel 2010 in Aerowaves Dance Across Europe, finalista premio equilibrio 2013, ospite in festival nazionali ed internazionali. Sar a Interplay il 23 maggio alle Fonderie Limone di Moncalieri, con l’effervescente R.OSA_10 ESERCIZI PER NUOVI VIRTUOSISMI, con una stupenda Claudia Marsicano che interpreta uno “one woman show”. Lo spettacolo sposta lo sguardo dello spettatore all’interno di una drammaturgia composta da 10 esercizi di virtuosismo, una performance che con ironia dissacrante porta in scena l’espressione del corpo, della donna e del ruolo sociale che esso occupa con un linguaggio informale, chiamando il pubblico ad interagire attivamente. R.OSA in atto una rivoluzione del corpo, che si ribella alla gravit e mostra la sua lievit, sorprendendoci tutti.
In prima nazionale la nuova creazione di DANIELE NINARELLO, STILL per 3 interpreti, il 25 maggio alla Lavanderia a Vapore di Collegno, in collaborazione con Piemonte dal Vivo. Artista torinese che si sta affermando con successo sulla scena nazionale e internazionale, si segnala che “Rock Rose WoW” dopo aver ricevuto il sostegno del progetto Movin’ Up 2012 II sessione per la residenza estera presso Tanztendenz Muenchen, vincitore del bando “Teatro del Tempo Presente” promosso dalla Fondazione LIVE-Piemonte Dal Vivo e dal Ministero dei Beni e delle Attivit Culturali. L’ultima produzione KUDOKU realizzata con il musicista Dan Kinzelman debutta in giugno 2016 alla BIENNALE DANZA. Il progetto pi ampio STILL Body Experience with Digital Brain tra i vincitori del bando “ORA! linguaggi contemporanei produzioni innovative” della Compagnia di San Paolo. Nel novembre 2016 KUDOKU tra i progetti selezionati per AEROWAVES TWENTY17.
 
GLI STRANIERI
Importanti novit dall’estero, con coreografi dai virtuosi percorsi artistici, segnalati come le realt di spicco della nuova scena internazionale.
ROY ASSAF, nome di punta della nuova generazione coreografica israeliana, apre il festival Interplay il 16 maggio al Teatro Astra di Torino con BOYS, spettacolo per 5 interpreti uomini. Con un lavoro che indaga la rappresentazione della mascolinit, alternando momenti di tensione a situazioni umoristiche, i cinque danzatori smantellano e definiscono gli stereotipi dell’identit maschile, costringendo gli spettatori ad interrogarsi sulla propria concezione di virilit e su quanto essa sia influenzata da determinate convenzioni. Roy Assaf si affermato giovanissimo a livello internazionale a fianco di Emanuel Gat. Da quando aveva 23 anni crea lavori premiati in tutto il mondo e collabora con le pi prestigiose compagnie internazionali.
Sempre il 16 maggio, un solo, intenso e seduttivo, creato da URI IVGI E JOHAN GREBEN. Lo spettacolo gira attorno al tema della donna, dove il corpo femminile muovendosi tra sottomissione e provocazione, negandosi e poi offrendosi per accelerazioni progressive allo sguardo del pubblico, cerca un dialogo con la sua audience, facendola oscillare senza sosta tra partecipazione emotiva e conflitto. Uri Ivgi (Israele) e
Johan Greben (Olanda) collaborano dal 2003. Da allora hanno lavorato con le principali compagnie europee, dall’Olanda alla Germania, dalla Scozia alla Svizzera.
PERE FAURA, artista spagnolo apprezzato in tutta Europa, ha un percorso artistico di assoluto spicco: dopo essersi diplomato alla School for New Dance Development in Amsterdam (SNDO) nel 2006, vince subito l’ITS Festival Award e viene selezionato per il DansClick tour nei Paesi Bassi. Nello stesso anno diventa coreografo residente al Frascati Theatre di Amsterdam, ottenendo nel 2009 il prestigioso premio Charlotte Khler Prijs. Nel 2011 torna a Barcellona, dove continua a sviluppare il suo lavoro di ricerca individuale, collaborando con artisti come Iaki Alvarez, Joan Escofet, Aggtelek o Desilence Studio. Nel 2015 viene selezionato per Aerowaves 2016, la piattaforma finanziata dall’UE per la scoperta di nuovi talenti della danza. Le sue coreografie sono famose per essere multidisciplinari e per combinare tutti gli elementi delle convenzioni teatrali. Il 25 maggio alla Lavanderia a Vapore di Collegno, Pere Faura presenta STRIPTEASE, uno spogliarello, una performance, una conferenza...un Solo, un Duo? L’artista in scena con il suo doppio proiettato su grande schermo. Con ironia e umorismo Pere compara l’evento teatrale ad uno spogliarello. Cosa ci aspettiamo di vedere quando andiamo a teatro? E quando andiamo a vedere degli spogliarelli? E quando andiamo a teatro a vedere uno spettacolo intitolato “Striptease”? Striptease parla di queste aspettative, del meccanismo di generazione del desiderio in entrambe le convenzioni e della relazione di seduzione tra il performer e lo spettatore, il cui sguardo diventa finalmente il protagonista principale di questo striptease.
Il 30 maggio, alla Lavanderia a Vapore di Moncalieri, il belga JAN MARTENS in ODE TO THE ATTEMPT, gioca con le nuove tecnologie per un solo creato per s stesso, un tentativo fresco e nostalgico di aprire il suo mondo allo sguardo esteriore. Un luogo dove guardare a s e alla societ in cui si vive. Martens procede per tentativi attraverso i quali crea una sorta di autoritratto-collage della sua vita privata e lavorativa, portando in scena la generazione di ragazzi, ai quali appartiene lui stesso, che hanno nelle nuove tecnologie un prolungamento del loro corpo e del loro modo di comunicare.
 
DANZA URBANA
Interplay continua ad affiancare alla programmazione tradizionale nei teatri, un’ampia finestra di danza urbana. La danza cattura cos un pubblico diverso, incuriosendolo e avvicinandolo ad una forma di spettacolo che spesso non conosce.
4 le compagnie che si esibiranno il 20 maggio in centro citt per la sezione dei Blitz Metropolitani di danza urbana, dalle ore 18,00 alle ore 21,00, spostandosi in 3 MAGNIFICHE PIAZZE, da PIAZZA VITTORIO VENETO, alla rinnovata “PIAZZA CARLINA” per un evento che incontra la video-art realizzato in collaborazione con NESXT/Artesera, e infine raggiungere la CAVALLERIZZA, in collaborazione con i progetti di arti multidisciplinari di Here X, (con AperiCena a cura di Cucina Popolare La Zappata). Il duo formato da NICOLA MARRAPODI e ROBERTO ORLACCHIO con LA PARTITA SULL’ARIA propone una riflessione sul tema dello spazio condiviso e su una possibilit di convivenza delle differenze in uno spazio comune. Con DEI CRINALI in versione urbana sempre per 3 interpreti, MANFREDI PEREGO ci trasporta invece su orizzonti immaginari dando vita ad un costante desiderio di innalzamento. A seguire, ci si addentra nella scena contemporanea spagnola con HECTOR PLAZA e AGNES SALES che presentano EHIZA, un pezzo incentrato sul potere della lotta, della costante persecuzione tra predatore e preda, in un continuo scambio di ruoli e interazioni tra due corpi. Da l ci si sposta in Piazza Carlina con i 16 performer coordinati da DANIELE NINARELLO in SONGLINES, esito performativo del Laboratorio di Ricerca e Composizione Il Corpo Intuitivo, che nell'arco di un anno ha ricercato intorno al tema del disorientamento. La giornata si chiude alla Cavallerizza Reale con un AperiCena a cura di Cucina Popolare La Zappata e la replica de LA PARTITA SULL'ARIA del duo MARRAPODI-ORLACCHIO, che si esibiranno nei suggestivi spazi della Cavallerizza.
Nella piena consapevolezza di quanto sia importante studiare modalit sempre nuove per avvicinare la gente comune al linguaggio della danza contemporanea, ma anche di coinvolgere e motivare le nuove
generazioni di giovani, quest’anno l’appuntamento site specific del 27 maggio coinvolger 15 giovani adolescenti sul tema dell’Odissea. IL FOLLE VOLO Frammenti di Odissea, spettacolo curato da ALLOTTO&FONTANELLE, si staglier sullo scenario delle PORTE PALATINE, tessendo cos un filo rosso con quella che l’imponente testimonianza della storia antica della nostra citt e della nostra cultura. La performance s’inserisce nell’ambito del Festival Internazionale Lingue In Scena, un progetto di formazione professionale nel teatro e nella danza di giovani artisti e nei programmi di Formazione del Giovane Pubblico, affiancandosi alle altre iniziative che il festival promuove, come il progetto Youngest Critics for Dance.
 
GLI EMERGENTI
Accanto ad artisti nazionali e internazionali pi affermati, INTERPLAY affianca le realt emergenti pi interessanti, quelle che hanno scelto percorsi coreografici originali, segnalati dalla critica come le punte di diamante della nuova scena contemporanea, presenti con i loro lavori nelle manifestazioni pi significative dedicate alla giovane danza.
Il 19 maggio al Teatro Astra, ANDREA COSTANZO MARTINI presenta TROP, un pezzo ironico e divertente che vede al centro il rapporto tra il performer, il pubblico e il mondo esterno, rappresentato da una televisione che rimanda immagini e discorsi. La tensione tra questi elementi il leitmotiv dell’opera, un viaggio attraverso una selva di messaggi e informazioni in cui il corpo resta comunque l’unica realt tangibile. Andrea, dopo gli studi di balletto e danza contemporanea in Italia e Germania, dal 2006 al 2010 lavora con la Batsheva Dance Company, per passare poi al Cullberg Ballet in Svezia e collaborare dal 2012 al 2014 con l’Inbal Pinto D. Company di Tel Aviv. Nel 2013 ottiene il primo premio per danza e coreografia alla International Solo Dance Competition di Stoccarda.
Il 23 maggio alle Fonderie Limone di Moncalieri, ANDREA GALLO ROSSO presenta la nuova creazione POSTPRODUZIONE DUO_short, un lavoro che indaga il tema del conflitto al femminile, utilizzando una grammatica coreografica assolutamente originale. Andrea Gallo Rosso inizia il suo percorso autoriale nel 2010 sostenuto da Mosaico Danza. Finalista al Premio Equilibrio Roma 2013, premio Outlet2014 di ACS e LesHiverO*censormode*e2015 di Avignone, vince nel 2013 il 1° premio della giuria Salicedoro e il premio OUTLET di CULT. Selezionato per la Vetrina della Giovane Danza d'Autore ‘14 e ’15 di AnticorpiXL, ha partecipato a svariati festival ed eventi nazionali e internazionali. Nel 2014 prende parte a Dance Roads Open Project (progetto sostenuto dell'UE).
Sempre il 23 maggio alle Fonderie Limone, la straordinaria performance del giovane talentuoso DAVIDE VALROSSO: COSMOPOLITAN BEAUTY. Appunti di viaggio verso un luogo indefinito, dove la bellezza frutto di conquista, un regno delle cose perdute che hanno lasciato una traccia nel corpo. Lavoro di alta precisione tecnica, che rapisce lo sguardo dallo spettatore. Dopo il diploma all'English National Ballet, Davide lavora come danzatore e interprete per artisti del calibro di Ariella Vidach, Jacopo Godani, Paolo Mohovich, Gustavo Ramirez, Raymon Sullivan, Tino Sehgal e Pablo Bronstein. Attualmente collabora con la compagnia Virgilio Sieni Danza e Le Supplici diretta Fabrizio Favale. Negli ultimi anni sviluppa la sua personale ricerca corografica come autore e interprete; il suo lavoro L’apertura degli occhi viene selezionato dalla vetrina Anticorpi XL 2014.
Il 25 maggio alla Lavanderia a Vapore di Collegno, LUCIO BAGLIVO, coreografo, acrobata, attore argentino/spagnolo presenta in prima nazionale il trio SOLO JUNTOS, spettacolo presentato al Festival Umore Azoka a Leioa (Spagna) nel 2015 e che da allora stato ospitato in moltissimi festival spagnoli ed europei. Dal 2013 viene supportato da Robert Wilson.
SINERGIE E COLLABORAZIONI SUL TERRITORIO
Interplay consolida anche nel 2017 progetti e collaborazioni in sinergia come la rete nazionale Anticorpi XL, che coinvolge 35 soggetti provenienti da 15 Regioni, attivando azioni strategiche coordinate a livello nazionale. Si rafforzano e incrementano anche le collaborazioni con le realt del territorio: con la Fondazione Piemonte dal Vivo Circuito Regionale Multidisciplinare il festival condivide numerosi progetti in rete, a sostegno di giovani coreografi del territorio oltre a quelli legati alle Residenze di Danza presso la Lavanderia a Vapore di Collegno, che si pone all’interno del nuovo accordo di programma MiBACT e Regioni; con il festival TORINODANZA, con cui da sempre c’ una stretta sinergia per il sostegno alle realt emergenti del territorio nazionale e con la rassegna PALCOSCENICO DANZA di Teatro Piemonte Europa, diretta da Paolo Mohovich con cui quest’anno si sostiene la giovane Francesca Cola con lo spettacolo “Sosterr le ragioni della leggerezza” realizzato con la collaborazione di Tommaso Serratore. Continua la collaborazione con il Festival MIRABILIA, dedicato alle arti del circo e delle performing arts, condividendo l’ospitalit del coreografo argentino/spagnolo Lucio Baglivo. Continua anche la collaborazione con la rassegna CONCENTRICA, coordinata da pi soggetti del territorio.
PROGETTI INTERNAZIONALI realizzati in collaborazione con la Fondazione Piemonte dal Vivo/ Circuito Regionale Multidisciplinare e residenze internazionali > SHARING&MOVING/International Residencies
Al gi citato network internazionale DANCE ROADS, con la mission di incoraggiare il dialogo interculturale e la circolazione dei giovani artisti in Europa, che dal 2016 si arricchito di 3 nuovi partner provenienti dall’Ungheria, Bulgaria e Repubblica Ceca, rafforzando notevolmente la capacit di promuovere progetti di mobilit e visibilit dei giovani coreografi del territorio italiano, quest’anno il festival ha partecipato alla call CREATIVE EUROPE. Continue sono le collaborazioni con diversi Centri Coreografici Internazionali, in particolare da segnalare la collaborazione con il centro coreografico GRANER di BARCELLONA, struttura che lavora in sinergia con il MERCAT DE LES FLOR, realt tra le pi importanti e vivaci per il sostegno alla danza contemporanea, vincitrice di molteplici progetti europei con cui abbiamo realizzato un progetto di residenze condiviso per il quale quest’anno stata selezionata Annamaria Ajmone. Si apre poi per gli anni prossimi una nuova collaborazione con il CNNR di Rillieux- la-Pape/Lyon (Francia) diretto da Yuval Pick, sempre in partnership con la Fondazione Piemonte dal Vivo/Lavanderia a Vapore. Il coreografo selezionato per il 2018 sar Daniele Ninarello.
 
PROGETTI PILOTA
Nel 2017 si inaugura con il Corso di Laurea di Fisioterapia della Scuola di Medicina dell’Universit di Torino un progetto pilota volto ad una raccolta dati che integri il campo di ricerca e analisi di questi studi nel campo del movimento coreografico.
FORMAZIONE DANZATORI
Durante i giorni del festival alcuni degli artisti ospiti proporranno delle masterclass in collaborazione con ICD/Programma internazionale di danza contemporanea con il supporto di NOD/Nuova Officina Danza. Gli appuntamenti sono rivolti a studenti di danza, insegnanti e danzatori professionisti: un modo per avvicinare e approfondire direttamente con i performer le tecniche espressive legate alla danza contemporanea.
 
FORMAZIONE DEL PUBBLICO
Si rafforza nel 2017 il progetto di formazione del giovane pubblico YC4D Youngest Critics for Dance, diretto da Mosaico Danza e realizzato in partnership con la rivista online di spettacolo dal vivo Krapp’s Last Post e il DAMS dell’Universit di Torino, con la Fondazione Piemonte dal Vivo e con le rassegne di danza che si svolgono sul territorio piemontese. E’ un progetto del tutto innovativo nel settore, che mira ad avvicinare i ragazzi sia al linguaggio della danza contemporanea, sviluppando un occhio attento e critico rispetto alle proposte artistiche, sia alla comunicazione critica e giornalistica sulla rete. Coinvolge
i ragazzi delle scuole medie superiori e gli studenti universitari in collaborazione con il DAMS e l’Universit di Torino. Quest’anno si aggiunge il 27 maggio uno spettacolo site specific alla Porte Palatine realizzato da giovani ragazzi di diverse estrazioni sociali e culturali, curato da Alotto&Fontanelle per un progetto che si inserisce nei programmi di Formazione del Giovane Pubblico.
Natalia Casorati 

Relativo a..

Prossimi Eventi

Eventi del sito

domenica 19-nov-2017 -
luned 20-nov-2017
marted 21-nov-2017
venerd 24-nov-2017
sabato 25-nov-2017 -
domenica 26-nov-2017
gioved 30-nov-2017
sabato 02-dic-2017