Registrati Ora!
Entra
Benvenuto su COORPI
venerd, 18 ottobre 2019 - 08:15
Condividi Visualizza la versione stampabile

Approfondimenti Stanno uccidendo la cultura e lo spettacolo!

La conferma del congelamento di una parte del gi ridottissimo F.U.S. getta nel panico tutto il settore dello spettacolo dal vivo. L’imbarazzo con il quale lo stesso Ministero per i Beni e le Attivit culturali ha diramato la notizia la spia del disagio che serpeggia all’interno della maggioranza di Governo riguardo a quello che ormai assume sempre pi i contorni di un disegno ben preciso per punire, mortificare e annientare l’intero sistema culturale del nostro Paese, responsabile di non si sa quale grave colpa. La cultura in tutti i suoi aspetti, e lo spettacolo dal vivo in particolare, per i quali il nostro Stato investe una percentuale vergognosamente piccola del suo bilancio (0,18%), sono oggi uno dei catalizzatori pi importanti della nostra identit unitaria (Art. 9 della Costituzione).
Condividi Visualizza la versione stampabile

ApprofondimentiInsieme per superare la crisi

26 - 27 - 28 Marzo 2011: Giornate Nazionali per la Cultura e lo Spettacolo

 
Federculture, insieme ad AGISANCI, UPI e Conferenza delle Regioni, ha indetto 3 Giornate Nazionali di mobilitazione con l'obiettivo di sensibilizzare i cittadini, l'opinione pubblica e i rappresentanti politici e istituzionali sullo stato attuale di crisi della cultura italiana e sui possibili interventi per uscire dall'emergenza.
A conclusione della mobilitazione il 28 marzo 2011 si terr al Teatro Regio di Torino un incontro pubblico di denuncia e di proposta, promosso dai soggetti istituzionali animatori delle Tre Giornate Nazionali per la Cultura e lo Spettacolo.
La cultura in Italia sta vivendo una crisi senza precedenti. Crisi che non riguarda solo il settore ma che si ripercuote sull’intero Paese, su ogni cittadino, sulle comunit locali, sul mondo del lavoro, sull’intero sistema produttivo. Nell’attuale drammatica situazione economica, sociale e culturale, la cultura paga pi pesantemente di altri settori nella distribuzione delle risorse pubbliche il prezzo delle difficolt contingenti.
 

Aderisci all'iniziativa compilando il modulo di adesione che trovi su http://www.federculture.it/

Condividi Visualizza la versione stampabile

ApprofondimentiPer una Carta dei Diritti e dei Doveri del Critico

Caludia Cannella presenta la Carta dei Diritti e dei Doveri del critico a BP2011ateatro BP2011 Una buona pratica in progress
di Claudia Cannella e la redazione di “Hystrio”

Il decalogo verr ubblicato su hystrio 2.2011 in uscita ad aprile. Si raccolgono adesioni

 
La nostra una Buona Pratica in progress. Nel senso che, da una parte vogliamo dare una forma scritta a ci che in modo istintivo, confuso e contraddittorio abbiamo cercato di essere in questi anni. Dall’altra, sappiamo perfettamente che, oggi pi che mai, cercare di stabilire delle regole e rispettarle azione guardata con sarcastico spregio, lotta quotidiana, rifiutarsi di aderire alla massima “se lo fa Lui, lo posso fare anch’io”. 

Condividi Visualizza la versione stampabile

ApprofondimentiAPPELLO - Carta Emergenza Cultura in Piemonte

Emergenza cultura PiemonteQuesto appello rivolto a tutti gli abitanti del territorio regionale piemontese affinch, in questo periodo di crisi, ritenendo di importanza strategica i beni e le attivit culturali di pubblico interesse, firmino per sostenere la richiesta di ripristino dei fondi dello Stato, della Regione Piemonte e degli Enti Locali destinati alla cultura.

Il Comitato Emergenza Cultura che promuove l’appello un organismo spontaneo, senza connotazioni politiche, nato dall’impellente necessit di sensibilizzare la pubblica opinione sui valori della cultura e di costruire una piattaforma di proposte nei confronti delle varie Istituzioni pubbliche. Il Comitato costituito da operatori che prestano volontariamente il loro impegno.
Condividi Visualizza la versione stampabile

ApprofondimentiMinacciose notizie per il mondo della danza piemontese

Io DanzoMinacciose notizie seminano il panico nel mondo della danza piemontese: voci bene informate parlano di ulteriori tagli oltre quelli gi previsti per l' anno 2010 (fino al 50% e addirittura al 70% rispetto al 2009).
Eppure fino ad oggi Torino, per quel che riguarda la danza, stata considerata da tutti un'isola felice. D' accordo, sono dieci anni ormai che la spesa del MIBAC (Ministero per i Beni culturali) scende del 31% in modo costante e progressivo (ad eccezione della spesa burocratica nelle alte sfere), per a Torino le tante forze del campo coreografico, unite ai grandi investimenti per la cultura, avevano creato un' aura magica che, dal 1995 ha attratto a Torino danzatori e coreografi come Michela Lucenti, gli Zerogrammi, Raffaella Giordano o Daniele Ninarello, convinti che sotto la Mole stesse per nascere la Citt della Danza.

 

Prossimi Eventi

Eventi del sito

sabato 05-ott-2019 -
venerd 25-ott-2019
sabato 19-ott-2019
sabato 19-ott-2019 -
domenica 20-ott-2019

LA DANZA IN MINUTO VIII EDIZIONE

BANDO LA DANZA IN 1 MINUTO VII EDIZIONE

VIDEO AMMESSI LA DANZA IN 1 MINUTO

VOTA I VIDEO AMMESSI LA DANZA IN 1 MINUTO

REGOLAMENTO VOTO LA DANZA IN 1 MINUTO

APP LA DANZA IN 1 MINUTO

APP

APP

APP LA DANZA IN 1 MINUTO Amazon

 Ladanzain1minutoVota

 The Mediterranean Screendance Network



SCARICA_COORPIXL

ArsETmedia


Danza&Danza  Danza&Danza Spot DanzaDove


Lavoraconnoi


Follow us on twitter